sabato 24 ottobre 2015

Come barba, come veste, come monti!



Nell'anniversario della mia ammissione in chiessa 27 ottobre 2013 -  Festa della Riforma
Riflessioni sul Servizio di Ascolto.
 

1 Ecco com’è bello e com’è piacevole
che i fratelli vivano insieme!
2 È come olio profumato versato sul capo,
che scende sulla barba, la barba d'Aronne,
che scende fino all'orlo del sua veste;
3 è come la rugiada dell'Ermon,
che scende sui monti di Sion;
là infatti il Signore dona la benedizione,
e la vita in eterno.


Il 133 è il Canto della fraternità: la celebrazione gioiosa di una comunità nel vivere insieme; ecco nella fraternità vissuta vi è la benedizione del Signore e la vita in eterno.

sabato 3 ottobre 2015

Marco 1,21-28




21 Vennero a Capernaum; e subito, il sabato, Gesù entrato nella sinagoga, insegnava. 22 Essi si stupivano del suo insegnamento, perché egli insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi. 23 In quel momento si trovava nella loro sinagoga un uomo posseduto da uno spirito immondo, il quale prese a gridare: 24 «Che c’è fra noi e te, Gesù Nazareno? Sei venuto per mandarci in perdizione? Io so chi sei: il Santo di Dio25 Gesù lo sgridò, dicendo: «Sta’ zitto ed esci da costui!» 26 E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, usci da lui. 27 E tutti si stupirono e si domandavano tra loro: «Che cos’è mai questo? È un nuovo insegnamento dato con autorità! Egli comanda perfino agli spiriti immondi ed essi gli ubbidiscono!» 28 La sua fama si divulgò subito dappertutto, nella circostante regione della Galilea.


Siamo nella prima parte del Vangelo di Marco, subito dopo il prologo che tratta la predicazione del Battista e del battesimo di Gesù. Dopo un breve ma intenso sommario (v.v. 14-15) e la chiamata dei primi discepoli (vv. 16-20) [il passo parallelo al testo del precedente studio biblico].
Marco inizia a descrivere il Ministero di Gesù in Galilea partendo dalla giornata inaugurale, descrivendo una giornata tipo di Gesù. ...